30 Day Writing Challenge, #29

Buongiorno a tutti!

Penultimo appuntamento col 30 Day Writing Challenge. Domani, con l’ultimo post, procederò anche con i ringraziamenti e i saluti, prima di andarmene definitivamente (?) in ferie. Cominciamo!

copertina

30 Day Writing Challenge

30-day-writing-challenge

Gli obiettivi

Quali sono i tuoi obiettivi per i prossimi 30 giorni?

Sono una che ha smesso di imporsi obiettivi e “buoni propositi”, non li faccio neppure per Capodanno perché poi o non li mantengo, oppure se ne vanno “a ramengo” per “cause di forza maggiore”! L’unico obiettivo serio che mi sono posta risale a due anni fa, quando all’inizio di giugno 2015 mi imposi di allenarmi costantemente sul tapis roulant per il test da sforzo cardiopolmonare, che ho brillantemente superato a fine marzo di quest’anno, quando son tornata a Genova. 😀 Dunque l’unico obiettivo che ho per i prossimi 30 giorni è andare al mare, rilassarmi sotto il sole e leggere qualche buon libro. Tutto qui. 😉

prendo-tutto-come-viene-perche-a-programmare-questa-vita-ho-scoperto-che-non-conviene

Prendo tutto come viene, perché a programmare questa vita ho scoperto che non conviene!

Per il resto non saprei proprio, del resto 30 giorni (cioè un mese!) sono davvero troppo pochi per una pigra come me! 😉

A domani con l’ultimo post!

Damy85

Annunci

30 Day Writing Challenge, #28

Buon pomeriggio a tutti!

E alla fine, la pioggia tanto invocata arrivò… O almeno, ha piovuto giusto per un minuto, tanto per non farci sentire troppo la nostalgia del solleone, che è puntualmente riapparso. 🙂 Procedo subito con la pubblicazione del terz’ultimo post del Writing Challenge che mi sono autoimposta. Andiamo!

copertina

30 Day Writing Challenge

30-day-writing-challenge

Gli obiettivi

Scrivi di 5 cose che ti fanno morire dal ridere.

  • Le GIF su Twitter. Vi giuro, le GIF e i meme su Twitter (e non solo) sono quelli che mi fanno maggiormente spaccare dalle risate. I miei preferiti sono quelli dei programmi Tv, corredati con twit o didascalie improbabili e goliardiche. Fatevi un giro sugli account di Trash Italiano e Viperissima su Twitter o direttamente su GIPHY, dove hanno le loro raccolte di GIF, e cominciate a ridere… 😀
  • Bèllo Segnù. Vi prego, ditemi che conoscete questa pagina Facebook… Per chi non la conoscesse, Bèllo Segnù (Signore bello, esclamazione tipica zeneise) è una pagina Fb che, su riproduzione di vecchi santini o quadri famosi a sfondo religioso, rilegge con ironia situazioni in cui vengono a ritrovarsi i vari Gesù Cristo, apostoli e santi. Ogni volta che apro questa pagina sto piegata in due dalle risate per dei minuti buoni. Ve ne pubblico un paio, nonostante siano in dialetto ligure sono comprensibili anche a chi non mastica zeneise… 😉
11188457_1568902163371806_2972098197549816171_n

Perché tu sei scuro e io chiaro? – Chiedilo a tua madre

14563573_1752819208313433_1711959325064241303_n

Duecento euro di telefono Rina! Hai chiamato Marte?

  • Fazio e Lucianina. Ed è arrivato il momento dei miei due balenghi preferiti, la mia dose settimanale di allegria, buonumore e risate con le lacrime agli occhi. Che tempo che fa è diventato un appuntamento fisso della mia giornata Tv anche grazie a lei, che con irriverenza commenta i fatti della settimana. Guardatevi il video che vi ho accluso, tratto dalla penultima puntata della stagione 2016/2017, si ride di brutto!
  • Crozza. Da un ligure (Fazio) passiamo a un altro ligure. E anche in questo caso sono risate, ma anche riflessione amara sugli argomenti che tratta. Crozza è capace di farti ridere e allo stesso tempo di farti incazzare, perché la maggior parte dei suoi pezzi sono presi dalla realtà politica italiana, da quella che molto spesso non trovi nei Tg mainstream. Vi pubblico tre pezzi suoi: il primo (dopo una lunga anteprima che lo vede imitare brunilde, prodi e Ratzinger!) lo vede protagonista, insieme con Bersani, di una parodia di Vieni via con me; il secondo è il rifacimento di Gangnam Style, arcinoto pezzo di Psy; il terzo è il rifacimento del Pulcino Pio in salsa gypsy.



  • Gigi Proietti ne La signora delle camelie. E per finire, a mio giudizio uno dei pezzi migliori di Gigi Proietti: l’interpretazione del Conte Duval ne La signora delle camelie mi fa sempre spetasciare dal ridere! Non vi dico niente, guardatevelo!

A domani!

Damy85

30 Day Writing Challenge, #27

Buon pomeriggio gente!

Procedo con la pubblicazione del ventisettesimo post del Writing challenge, ormai sono quasi alla fine! 😀

copertina

30 Day Writing Challenge

30-day-writing-challenge

Gli obiettivi

Al contrario, scrivi di qualcosa che ti dà molto fastidio in questo periodo.

Se c’è qualcosa che mi da fastidio, non solo adesso, ma in tutti i periodi dell’anno (e credo di averlo già scritto, in precedenza) è il modo di fare che hanno certe persone nei miei confronti. Questo trattarmi da “poverina”, questo compatirmi per la mia malattia, non l’ho mai sopportato! L’ho sempre ritenuta una mancanza di rispetto nei miei confronti. Mi irrita la superficialità di certi loro commenti e mi riesce difficile sopportare la loro presenza per più di 5 minuti. A certa gente vorrei dire, con tutta la calma (!) che posso racimolare in quel momento:”Provaci tu a vivere nei miei panni per una settimana, poi vediamo un po’ quanto ti da fastidio essere additata, o esclusa, o peggio ancora compatita com’è accaduto a me!”. Sarò intollerante, ma ormai, dopo 31 anni e mezzo, la misura è ampiamente colma.

A domani!

Damy85

30 Day Writing Challenge, #26

Buon pomeriggio a tutti!

Dio mio che caldo fa… Si sta bene solo sotto il condizionatore a manetta, altroché mare! 😛

copertina

30 Day Writing Challenge

30-day-writing-challenge

Gli obiettivi

Scrivi di quell’area della tua vita che ti piacerebbe migliorare.

Ci sono diverse cose che vorrei migliorare della mia vita. Vediamo un po’…

Innanzitutto vorrei imparare ad essere meno irascibile. Ho un carattere che s’infiamma facilmente, a volte basta una semplice scintilla per scatenare un incendio. Vorrei imparare ad essere più calma e riflessiva con gli altri e a tenere a bada la rabbia. Vorrei, sempre a causa della rabbia, riuscire a tenere a freno la lingua, perché la rabbia è spesso causa di parole che non si vorrebbero dire e che rischiano anche di offendere gli altri. Vorrei imparare a tirare il freno a mano prima che certe frasi escano dalla mia bocca. Vorrei imparare ad essere meno ansiosa e paranoica. Vorrei pure imparare ad avere la risposta pronta per ogni evenienza…. Ah, sì! E poi vorrei imparare a cantare! Cioè, mi dicono che sono intonata, ma purtroppo credo di essere fuori esercizio. Quindi mi piacerebbe frequentare un corso di canto con tutti i crismi. 🙂

A domani!

Damy85

30 Day Writing Challenge, #25

Buonasera a tutti!

In attesa della Maratona Mentana sui ballottaggi delle elezioni politiche, pubblico il venticinquesimo post del Writing Challenge. Ormai sono quasi alla fine… 😀

copertina

30 Day Writing Challenge

30-day-writing-challenge

Gli obiettivi

Pensa ad una parola. Cercala su Google immagini. Scrivi quello che ti ispira la 11° immagine.

La parola che ho scelto è Viaggiare. Perché nella mia vita non ho fatto altro che questo, viaggiare, sia per motivi di salute che per altro… 😉

Viaggiare

Ricerca su Google…

cropped-anime-in-viaggio_header1

L’undicesima immagine

L’immagine, presa dal sito Anime in viaggio, raffigura un nastro (all’inizio credevo fosse un centimetro, tipo quello della sarta!) sopra una cartina del mondo. E a me suggerisce questo: si può viaggiare in tanti modi, non solo prendendo un aereo o un traghetto. E per me, che nella vita non ho fatto altro che questo, per i più svariati motivi, è diventato fondamentale continuare a farlo. Magari leggendo un libro, o imparando una lingua diversa, o ancora guardando i documentari di viaggi alla Tv, oppure semplicemente, aprendo Flickr, digitando il nome di una località e poi tuffarsi nella bellezza delle foto che il motore di ricerca ti restituisce in risposta.
Viaggiare, sempre e comunque! 😉

Ora scappo, il Magnifico Direttore mi aspetta… 😀

A domani!

Damy85

30 Day Writing Challenge, #24… e anche #23

Buongiorno a tutti!

Sì, lo so… Ieri non ho pubblicato il ventitreesimo post del Writing Challenge. Il motivo è presto detto: il challenge chiedeva di scrivere “Una lettera a qualcuno, chiunque“. E io, dopo vari giorni passati a pensare a chi indirizzare questa lettera e non avendo trovato nessuno, ho deciso direttamente di non scriverla e di saltare questo punto. Se devo essere sincera ho scritto pochissime lettere in vita mia e tutte erano poco più che telegrammi. Non sono mai stata una gran scrittrice di lettere, per il semplice motivo che non sapevo mai cosa scrivere! 🙂

E adesso, procediamo col ventiquattresimo punto, prima che faccia troppo caldo e il Pc faccia le bizze… 😉

copertina

30 Day Writing Challenge

30-day-writing-challenge

Gli obiettivi

Racconta di una lezione che hai imparato nel modo più difficile.

Ho imparato che ci sono persone in grado di farti malissimo senza che nemmeno se ne accorgano. Ho imparato che basta una parola, a volte anche solo un gesto, per sentirmi ferita nel profondo. E nel mio disperato bisogno di sentirmi voluta bene e accettata in qualche modo, non ho mai avuto il coraggio di allontanarmi da quelle persone. Mi succedeva spesso da bambina e da adolescente mi sono pure chiesta se fossi io quella sbagliata, e soprattutto cosa ci fosse di sbagliato in me. Solo quando ho capito che non era colpa mia se gli altri avevano un’idea distorta di me, sono riuscita a liberarmi di questo peso. E quando l’ho imparato mi sono sentita improvvisamente leggera. Prima piangevo, chiedendomi cosa non andasse in me; adesso non me ne frega più nulla. Ho imparato a farmi scivolare addosso ogni critica, a non pensarci e ad andare dritta per la mia strada. Gli altri potranno criticare fino alla fine la mia vita, chi è in pace con se stesso non può che sorridere e andare avanti. Una cosa è certa: se mai un giorno dovessi incontrare quelle persone, non cambierò strada, non scapperò come chi finge di non conoscermi, ma le guarderò dritte in faccia col sorriso sulle labbra. L’amicizia (e anche l’amore, volendo) non sono questo, sono ben altro, e io l’ho imparato grazie a persone preziosissime che ho conosciuto in questi anni, sui social e non.

A domani!

Damy85

30 Day Writing Challenge, #22

Buon pomeriggio a tutti!

In attesa di conoscere cosa farò questa sera (uscirò? Resterò a casa? Boh…), ne approfitto per pubblicare il ventiduesimo post del Challenge. Vamos…

copertina

30 Day Writing Challenge

30-day-writing-challenge

Gli obiettivi

Quali sono le 10 canzoni che senti più di frequente.
Dopo aver scritto le 10 canzoni che amo di più in questo periodo, ora tocca alle 10 canzoni che ascolto con maggior frequenza. E anche in queto caso, temo che 10 siano troppo poche… 🙂

  1. Gli anni. La canzone che amo di più di Max Pezzali è questa. E’ il loro manifesto, posso affermare con tranquillità che la sua intera discografia, sia degli 883 che di Max come solista, si possa riassumere con questa canzone.
  2. My immortal. Tra tutte le canzoni degli Evanescence, gruppo new metal che ho amato fin dagli esordi, scelgo questa. Stupenda voce, melodia ancora più bella. Ma vi sconsiglio altamente di ascoltarla se siete giù di morale. 😉
  3. Questa estate strana. Lo so, in precedenza avevo scritto che la canzone che preferivo degli Zerini è un’altra. Ma ho scelto questa. Perché? Credo che sia l’unica che si sposa alla perfezione con questo clima impazzito, un po’ come il video della canzone, del tutto privo di senso… 😀
  4. Girl on fire. Non so voi ma io AMO QUESTA CANZONE DI ALICIA KEYS! Canzone bellissima con una voce spettacolare! Vi prego, ascoltatela dal vivo, è ancora più bella! 😀
  5. The sound of silence. Tra questa e Bridge over troubled water ho scelta la prima. Le amo entrambe, sia chiaro, ma quando ascolto questa sono scossa da brividi durante tutta la durata.
  6. Giudizi universali. Uscitemi la persona che non ama questa canzone di Samuele Bersani. Poesia allo stato puro, un po’ come tutte le sue canzoni.
  7. Quello che (non) ho. Inserita all’interno dell’Album dell’indiano, disco interamente scritto in Sardegna, questa canzone di Fabrizio De André è stata il leitmotiv della trasmissione che ha visto il trionfale ritorno di Fazio su La7 (notare le parentesi, nel titolo della canzone non ci sono). E ogni volta che l’ascolto è come se tornassi a quel felice maggio del 2012, in cui ho assistito a un programma Tv pressoché perfetto.
  8. Una musica può fare. Siccome una canzone proveniente dal Festival di Sanremo non può mancare, ne scelgo una tratta dal primo Sanremo realizzato da Fazio (“eh, ma allora sei fissata!” dirà qualcuno di voi… XD ). Altra stupenda poesia, con un arrangiamento complesso e un giro di basso altrettanto spettacolare. Vi consiglio di ascoltarla nella versione sanremese, che vi ho linkato, e non quella su disco: si dice sempre che l’Orchestra del Teatro Ariston appesantisca le esibizioni, in questo caso credo l’abbia impreziosita.
  9. Euphoria. In quest’elenco non può mancare neppure una canzone dedicata all’Eurovision Song Contest. Scelgo questa perché, tra tutte le canzoni che ho sentito da quando l’Italia è rientrata nella competizione, è la mia preferita.
  10. Dolcenera. Altra canzone di Fabrizio De André che mi ricorda una trasmissione televisiva, in questo caso Che tempo che fa (quando ho cominciato a seguire la trasmissione, questa era la sigla di testa). La storia della canzone immagino la conosciate tutti: da una parte l’alluvione che ha sconvolto Genova nel 1970 (e che purtroppo è tornato argomento attuale, complice il clima impazzito di questi ultimi anni), dall’altra la storia d’amore di un matto che aspetta la donna di cui è innamorato, la quale purtroppo sta annegando a causa dell’alluvione appena citata.

L’elenco è molto più lungo, ho scritto l’elenco in base a come mi venivano in mente le canzoni… 🙂

A domani!

Damy85